OAM – No ai consorzi tra agenti finanziari se svolgono intermediazione creditizia

consorzi

Non sono conformi alla normativa di settore aggirando il principio del monomandato.

E ancora. Potrebbero costituire esercizio abusivo dell’attività, con conseguente indebolimento della tutela del consumatore e disparità di posizione rispetto agli altri operatori di mercato: ecco quanto affermato dall’Organismo degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi.

I dettami sono stati inviati agli operatori di mercato.

Per l’OAM infatti, è emerso come l’attività dei singoli agenti in attività finanziaria, quali la promozione e/o conclusione di contratti per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma, non sia mai nettamente separata dall’attività di coordinamento svolta, invece, dalla società consortile. Ne deriva che un’attività riservata agli agenti viene invece svolta da un altro soggetto, la società consortile, non iscritta agli elenchi tenuti dall’Organismo, in violazione dell’art.140-bis che sanziona l’esercizio abusivo dell’attività.